© Accademia Santu Jacu 2014

Michele Antonio Ziccheddu


Nel 2009 consegue il baccalaureato in Teologia presso la Facoltà Teologica dell'Emilia Romagna. Nel 2005 frequenta il corso istituzionale di Iconografia Cristiana, presso la stessa Facoltà, approfondendo oltre agli aspetti teologici e storici, anche le tecniche dei più importanti maestri delle scuole russe, in particolare quella di Mosca del periodo XIV-XVII sec. Nel 2006 va in pellegrinaggio e viaggio studio sul Monte Athos, in Grecia, dove ha la possibilità di studiare le opere dei due principali maestri che hanno affrescato le chiese e i monasteri della “Santa Montagna”: Manuel Panselinos e Teofane il cretese. Il confronto con alcuni monaci iconografi risulta fondamentale per lo sviluppo del percorso di formazione spirituale e tecnico. Da quel momento inizia a studiare anche le principali scuole iconografiche greche, in particolare quella Macedone e quella Cretese. In seguito a questi studi approda ad una sintesi stilistica che applica sia alla pittura murale (affresco) che all’iconografia su tavola (tempera ad uovo), la cui caratteristica principale consiste nell’utilizzo di una tecnica a tratteggio largo. Una sua icona si trova nel monastero di Dionisiou sul Monte Athos. Al lavoro di iconografo affianca quello di insegnamento, tenendo corsi, seminari e incontri di spiritualità dell’icona in varie parti d’Italia. Nel 2007-2008 tiene alcuni corsi per principianti a Modena, Nonantola e Bologna e nel 2008-2009 un corso annuale a cadenza settimanale presso il Museo Civico dell'Arte di Modena. Dal 2009 inizia una nuova esperienza presso il laboratorio iconografico del convento di San Mauro a Cagliari, dove tiene corsi regolari di iconografia e continua a dipingere opere, tra cui un crocifisso e due grandi icone per la cappella feriale del convento, un Annunciazione e una scena della Maddalena ai piedi di Gesù. Nel 2010 tiene un corso teorico-pratico alle Monache Clarisse di Iglesias. Dal 2011 tiene un corso residenziale di iconografia per principianti, presso il Monastero Benedettino S. Pietro di Sorres (SS). Nel 2012 dipinge l’icona murale della “Dormizione e Assunzione di Maria” per la cappella laterale della Chiesa di San Gavino ad Esporlatu (SS). Opera di oltre quattro metri d’altezza. Nel 2013 tiene a Cagliari e in altre località, corsi, mostre e incontri di iconografia. Tra le opere di questo periodo, una serie di grandi icone di santi per privati e il Cristo Didaskalos per la Chiesa Parrocchiale di Settimo San Pietro (Ca). Nel 2014 fonda a Mandas (Ca) l’Accademia Santu Jacu, il laboratorio-scuola di iconografia dove attualmente lavora e insegna. Nel 2015 prosegue l'attività formativa attraverso viaggi studio e confronto con altri iconografi in Grecia. Molto importante la visita/ studio degli affreschi delle Meteore e l'inizio di una collaborazione con la scuola di un Monastero nei pressi di Atene. Dal 2014 oltre all’insegnamento e al lavoro in laboratorio, si dedica allo studio presso la Pontificia Facoltà Teologica della Sardegna a Cagliari, dove è in procinto di discutere la tesi di Licenza in Teologia Sistematica sul tema della Teologia dell’icona. Dal 2016 tiene una rubrica di iconografia cristiana sul giornale della Diocesi di Oristano “L’Arborense”.